SPEDIZIONE GRATUITA 🎉🤩

0

Il tuo cestino è vuoto

aprile 17, 2020 2 commenti

Dopo aver visto nell'articolo bobber: la moto che ti somiglia come si definisce un bobber, ci concentreremo sugli elementi che differenziano un bobber da una moto classica.

Il telaio rigido

Il telaio rigido , chiamato hardtail dall'altra parte dell'Atlantico, è un elemento differenziante di una bobber rispetto a una motocicletta tradizionale. Un telaio rigido è, infatti, un telaio realizzato in un unico pezzo. Non esiste una parte rimovibile chiamata forcellone per sostenere la ruota posteriore.

Questo tipo di telaio si trova spesso sulle biciclette.

Questo è il tipo di telaio che era presente sulle motociclette negli anni '30 prima dello sviluppo delle sospensioni delle ruote posteriori e successivamente dei forcelloni. Di seguito una Triumph 6/1 prodotta dal 1933 al 1935 (fonte: Wikipedia).

Il telaio non prevede alcuna sospensione posteriore, lo "smorzamento" è fornito dalla sella (tramite le molle) e dal gruppo cerchi/pneumatici.

Ecco un confronto tra un telaio sospeso VF750FD (a sinistra) e un telaio rigido Harley 125 (a destra). I diversi elementi tra questi 2 fotogrammi sono indicati in rosso.

Ha un telaio rigido che si trova su bobber e chopper : il telaio Gooseneck.

Gooseneck è una parola inglese che significa collo d'oca. La particolarità di questo quadro sta nella parte. È un telaio offset rigido.

Per un comfort un po' più "meno" tradizionale, ci sono molte custom che riproducono la linea di un telaio rigido ma che hanno un ammortizzatore posteriore. Questo tipo di telaio è chiamato tra i nostri amici anglofoni " softail ".

Ecco un telaio Softail di Craft Tech, troviamo la linea di un telaio rigido ma con un comfort aggiuntivo.

Il forcellone segue la linea del telaio e l' ammortizzatore è solitamente posizionato in modo che sia meno visibile.

Fonte: https://www.blogbmw.fr

Un esempio riuscito di questo tipo di telaio è quello della BMW R18 dove la linea è rispettata eppure la moto ha un forcellone e un ammortizzatore (posto a scomparsa nell'asse del telaio) per il comfort del pilota.

Fonte: eroi motori

La Zero Engineering Type 9 adotta un sistema molto particolare.

Possiamo vedere meglio in questa foto la " Mulit-Arm Suspension " è un innovativo sistema di smorzamento sviluppato dal team Zero Engineering con più bracci e più punti di snodo. Questo prodotto è offerto solo sul Tipo 9 per muoversi più facilmente e reagire in modo più efficace alla strada.

Ma questo è un richiamo per i puristi rigidi.

 

Pneumatici a palloncino

Grandi pneumatici ! Ecco un'altra caratteristica dei bobber.

Questi pneumatici con fianchi sovradimensionati conferiscono un aspetto da avventuriero, con dimensioni simili nella parte anteriore e posteriore sono nel DNA dei bobber.

Qui su una collaborazione tra Rough Crafts e Zero Engineering.

Questi pneumatici "quadrati" non sono consigliati ai meno esperti perché forniscono una guida molto diversa rispetto ai pneumatici tradizionali.

Hanno una notevole capacità di assorbimento durante la guida rigida.

Influiscono sulla guida ed è meglio usare il freno posteriore con loro.

Diverse marche e modelli sono popolari.

Al primo posto troviamo la famosa Firestone Deluxe e queste copie.

Le gomme Avon sono rinomate e portano un po' più di serenità rispetto alle Deluxe.

Fonte: http://chazster.com/

Sotto il modello Cobra di prova a Chazster.

La misura predominante nel mondo dei bobber è 5.00x16 fronte e retro.

Cerchi a raggi

Niente di originale qui, i cerchi a raggi sono apprezzati per la maggior parte delle preparazioni. Si noti che su un bobber i cerchi sono preferibilmente della stessa misura davanti e dietro.

E, naturalmente, in 16 pollici, fornisce un aspetto inarrestabile della meccanica "strisciante".

Il serbatoio di arachidi

Il serbatoio in alluminio, preferibilmente alluminio, porta un tocco old school al bobber . Spesso sono piccole, ci ricorda il fatto che spesso sono bici per brevi tragitti.

Nella moltitudine di tipi di serbatoio (Fatside, King tank, Bobbed gas tank, Wassell Peanut Style, Narrow Alien Chopper, Frisco Mount Chopper Bobber, Mustang, Axed...) disponibili per la personalizzazione, il modello di tipo Wassell è un modello apprezzato.

Ecco il serbatoio fornito da remmotorcycle.com:

serbatoio bobber di arachidi

Si trova su una famosa preparazione di Zeus Custom (diversa e meno conosciuta di Deus Custom) o sullo Zero Engineering.

Fonte: http://zeuscustom.shop/ Base: Leonart 250cc

La mancanza di carenatura

E sì, questo fa parte delle caratteristiche del bobber . C'è molto poco carcere su di esso. L'unica parte obbligatoria è il serbatoio. Quindi questo veste un po' la moto. Molti bobber non hanno parafanghi.

Solo il parafango posteriore è "autorizzato", non c'è carenatura al posteriore, non a livello del filtro aria, della scarpa, niente. Minimo.

Il manubrio basso

A differenza dei chopper che tendono ad avere il manubrio alto o addirittura molto alto per alcuni, per il bobber il manubrio è basso.

È più o meno largo, con forme diverse ma supera di poco in altezza il serbatoio o la forcella.

Il manubrio è addirittura molto basso e bisogna andare avanti sullo Zero bobber dove è saldato alla forcella Springer. Una posizione di guida speciale tra le braccia e i piedi in avanti.

Tornando al modello, i manubri piatti e curvi sono una scommessa sicura molto apprezzata.

Qui in dimostrazione:

Puoi trovare anche modelli più atipici come questo modello che si ispira ai manubri da motocross degli anni '70:

Un classico manubrio rialzato può essere utilizzato anche per abbassare la posizione di guida delle braccia.

Sui bobber detti "Japanese bobber" il manubrio è più alto e abbastanza stretto come sulla 103 dell'epoca.

La sella sulle molle

La sella a molla è uno dei primi elementi che il preparatore vuole installare per iniziare a preparare un bobber . Questo è un altro elemento comune degli elicotteri.

Sul mercato esiste una varietà molto ampia di selle da solista con varie forme, colori e qualità.

Modello proposto da remmotorcycle.com

Le selle Bobber sono spesso nere e talvolta marroni . Per il tipo, nello spirito minimalista del bobber, i modelli semplici sono i più efficaci.

Piccole fantasie possono essere presenti alle cuciture. La sella può essere senza cuciture, con cuciture dritte o con cuciture a diamante.

Anche la forma può variare. Ci sono modelli flat e altri che seguono la forma dei glutei.

Data l'assenza di un ammortizzatore posteriore, si consiglia di scegliere un modello di qualità. Buona schiuma, larghezza corrispondente alla larghezza del posteriore del pilota e base in metallo non troppo rigida.

Associati alla sella per il comfort, le molle sono un elemento molto importante. Sono da scegliere in base al peso del pilota e non devono essere troppo dure altrimenti non danno conforto.

Con uno scarso comfort, puoi trasformare una piacevole gita domenicale in un vero e proprio calvario.

Ecco un esempio di un comodo set offerto da Remmotorcycle. Un set di reggisella, molle larghe e sella a forma di mano.

Forcella Springer

La famosa forcella a molla è l'ultimo elemento del bobber. Provenendo dai modelli Harley standard degli anni '60 e '70, questo tipo di forcella è impressionante.

La forcella Springer ha due piccoli ammortizzatori nella parte superiore.

Forcella Springer Remmotorcycle realizzata su misura.

Ha una grande rigidità e una qualità di filtrazione diversa dalle forcelle convenzionali. Con questa tecnologia vecchia scuola, assorbe correttamente le piccole irregolarità e non restituisce colpi di racchetta sul grilletto.

Al giorno d'oggi, ci sono forcelle Springer che possono ricevere freni a disco nella parte anteriore per garantire la sicurezza della motocicletta.

È con una forcella Springer che distinguiamo un bobber classico da un bobber definitivo.

Forcella Springer Remmotorcycle. Modello per Ombra.

Tuttavia, la forcella Springer non è l'unica soluzione per bobberizzare una moto. Le forcelle a parallelogramma con monoammortizzatore sono un tipo di forcella apparso prima di Springers.

Questo tipo di forchetta apporta un lato molto antico alla preparazione. Troviamo bellissimi modelli su Terrot, Peugeot e altre moto d'epoca.

Immagine: Bobber Shadow 600 in lavorazione

L'ultima soluzione, più economica per impreziosire la forcella è una soluzione molto apprezzata dai giapponesi. Si trova spesso sulle preparazioni dei bobber giapponesi .

Si tratta di vestire la forcella con una piccola carenatura in alluminio. Questo rende la parte anteriore più imponente, come una Springer.

Foto: concetto di compressore BMW Motorrad R5.

Questo stile si allontana dai bobber tradizionali ma è parte integrante dello stile bobber in Asia. Questo è uno degli elementi di differenziazione tra il tipico bobber americano e quello giapponese.

Questi copri forcella sono presenti su moltissime due ruote ma lo stile qui adottato è vicino a quello delle Harley Panhead.

Questo approccio è stato scelto da BMW per la sua R18.

Foto: questi copri forcella sono disponibili su ordinazione.

Ciò mantiene il comfort di una forcella classica senza compromettere l'aspetto.

riassunto

Abbiamo visto che per ogni componente di una moto, il bobber ha degli elementi specifici che ne fanno la sua personalità e la sua originalità nella massa delle moto esistenti. Insomma, il bobber è una motocicletta ridotta al minimo con telaio rigido (o quasi) di forma triangolare, con pneumatici larghi, sella a molla e ventola sopra!


2 Risposte

jeremy luis
jeremy luis

giugno 26, 2021

excellent article, le kit bobber de base que vous avez en vente est livré avec une fourche sur ressort old scholl ?

carresse richard
carresse richard

febbraio 14, 2021

Parfait ….

lascia un commento

I commenti vengono approvati prima di essere pubblicati.